Costruzione del Clavicembalo

28 marzo 2016

Costruzione clavicembalo

La nostra attività consiste consiste, oltre alla costruzione di Clavicembali, nella costruzione di altri strumenti a tastiera per la musica antica: Spinette, Virginali, Clavicordi, Fortepiani, Claviorgani (combinazione di organo e clavicembalo), Claviciteri (clavicembalo verticale).

Il Clavicembalo è uno strumento a tastiera a corde pizzicate, utilizzato soprattutto per la musica del periodo Rinascimentale e Barocco. I Clavicembali hanno una forma che ricorda il pianoforte a coda, sono tuttavia più lunghi e stretti, e molto più leggeri.

Costruzione Clavicembalo

Nella costruzione del clavicembalo vengono utilizzati diversi materiali, come legno, metallo, stoffa e feltro, pelle e vernice. La prima fase del lavoro consiste nella costruzione della cassa: dalle tavole grezze si ricavano le parti che costituiscono lo strumento, ovvero le fasce, il fondo, il coperchio, e le parti interne, come la tavola armonica, le catene e i ponticelli.

Il lavoro più delicato e complesso è la costruzione delle parti della meccanica, tastiere, registri e salterelli. Infine il clavicembalo viene accordato e messo a punto.

Cembalobau

La principale differenza fra il clavicembalo ed il pianoforte è la meccanica a corde pizzicate. Esternamente i due strumenti si somigliano, anche se il clavicembalo è più leggero e stretto. Le corde del clavicembalo non vengono percosse da martelletti, come avviene nel pianoforte, ma pizzicate da plettri, originariamente fatti con penne di uccello (corvo, gabbiano, aquila), oggi normalmente di materiale plastico (Delrin).

Le corde del clavicembalo sono di metallo, normalmente ferro e ottone. Le corde, di uno spessore che varia fra mm 0,20 a 0,70, sono tese sopra i cosiddetti ponticelli, che mettono in vibrazione la tavola armonica, un foglio di abete di circa 3 mm di spessore.

Cembalobau

Chi entra nel laboratorio di un Cembalaro può avere l’ impressione di essere capitato in uan falegnameria, poichè la gran parte del lavoro è costituita dalla lavorazione delle parti in legno. Non solo la cassa e le parti accessorie, come leggio, coperchio, piedistallo sono in legno, ma anche le parti della meccanica e le tastiere.

Ogni parte viene eseguita con un legno differente, a seconda delle proprietà meccaniche ed estetiche richieste. In uno strumento potete trovare più di dieci diversi tipi di legno.

Cembalobau

Le corde del clavicembalo vengono tese già durante la lavorazione della cassa, quando la struttura è meccanicamente completa. Solo nell’ ultima fase tuttavia è possibile tramite l’ accordatura e la lavorazione dei plettri, la cosiddetta intonazione, intervenire per creare il colore ed il suono dello strumento. Quest’ ultima fase richiede una sensibilità particolare per il timbro e per l’ esecuzione musicale.

Französisches Cembalo

Il Clavicembalo fiorì particolarmente durante il XVII e XVIII secolo, in seguito venne messo in ombra dal nascente Pianoforte. I primi pianoforti, chiamati Fortepiani, assomigliavano dal punto di vista costruttivo (matierali e struttura) al clavicembalo, per poi distaccarsene velocemente, nella ricerca di un suono sempre più potente e brillante.

Cembalobau

Alune operazioni svolte dal Cembalaro sono rimaste pressochè immutate durante i secoli, come per esempio la piallatura a mano della tavola armonica (il cuore del clavicembalo), nei nostri strumenti in pregiatissimo legno di abete della Val di Fiemme.

Cembalobau

La ricerca dei materiali, che devono essere il più simile possibile agli originali, costituisce un aspetto determinante per la qualità degli strumenti.

A seconda delle diverse scuole costruttive nazionali, vengono utilizzati: Tiglio, Abete o Pino, Cipresso, Rovere, Faggio, Noce, Cileigio, Bosso, Ebano.

Cembalobau

Il martello e la pialla si affiancano quindi in questo lavoro alla chiave per accordare a al diapason. Ogni operazione, ogni dettaglio si congiunge poi nel tutto, nel risultato finale dello strumento musicale finito.

Cembali William Horn

Per potere raggiungere un buon risultato. soprattutto in fase di regolazione finale e collaudo dello strumento, è necessario possedere una cononsocenza non solo teorica della musica, ma una buona pratica esecutiva al clavicembalo.

Il nostro scopo è entusiasmare alla musica…. e ovviamente al Clavicembalo.

Clavicembali William Horn